Progetto Cmr disegna i nuovi uffici Amco

344

Situato all’interno del nuovo business campus The Bridge in via San Giovanni sul Muro 9, a Milano, l’edificio che ospita la nuova sede di Amco è stato riqualificato da Investire Sgr per conto del fondo Monterosa, mentre l’interior design è stato sviluppato da Progetto Cmr, la società di progettazione integrata da sempre attenta ai valori dell’innovazione e della qualità ambientale.

Per l’edificio è in corso di ottenimento la certificazione Leed Core and Shell livello Gold, grazie agli elevati standard di efficienza ambientale e sostenibilità. Amco, in veste di locatario, ha inoltre avviato il processo per l’ottenimento della certificazione Leed Commercial Interior livello Gold e, tra i primi in Italia, della certificazione Fitwel, a conferma dell’attenzione rivolta alla salute e al benessere dei dipendenti.

I nuovi uffici di Milano hanno una superficie complessiva di 4.800 metri quadrati distribuiti su sette piani fuori terra e due interrati di parcheggi, archivi e locali tecnici.

Conferma Antonella Mantica, co-founder di Progetto Cmr che ha seguito direttamente il progetto: “Il design degli spazi interni è pensato per rispondere alle esigenze della continua evoluzione di Amco in una logica scalabile e sostenibile; è basato su un modello di desk-sharing che consente di operare in maniera agile. Ad ogni piano sono state previste aree adibite alla collaborazione e alla concentrazione quali focus room, phone booth, sale riunioni, salottini e aree break per gli incontri informali”.

L’interior design – dalla reception all’office layout, dalle texture delle superfici agli allineamenti dei rivestimenti e degli elementi di arredo –, risponde ad una trama geometrica e minimale che lavora con un codice cromatico di tre tinte: nero, bianco e blu.

Il sesto piano direzionale si affaccia su un terrazzo e beneficia di un apporto straordinario di luce naturale. Il corridoio, che corre lungo l’intero piano, diventa un elemento di comunicazione del brand tramite la grafica applicata su una parete ad alta prestazione fonoassorbente.

Al settimo piano si trova un ampio terrazzo da cui si può godere di una bellissima vista sulla città.

Per questo progetto è stata posta un’attenzione particolare alle abitudini d’uso delle persone che lo abitano. La collocazione dell’edificio in una delle aree più servite di Milano incoraggia l’utilizzo di forme di trasporto sostenibile grazie alla vicinanza a mezzi pubblici e piste ciclabili. Nel parcheggio aziendale sono presenti due aree destinate a stalli per le biciclette e sei stazioni di ricarica per le auto elettriche.

L’edificio utilizza energia rinnovabile tramite contratti con fornitori di energia green, mentre un impianto a pannelli fotovoltaici fornisce energia alle parti comuni. L’impianto di climatizzazione estiva e invernale, incluso l’impianto di aria primaria, è in linea con le migliori tecnologie in materia di efficienza energetica e comfort climatico. Tutti questi elementi volti alla riduzione dei consumi otterranno efficienze di costo e diminuiranno l’impatto ambientale dell’immobile.

Alla realizzazione degli uffici Amco hanno partecipato le seguenti aziende:

Sistemi e materiali edilizi: Agglotech (pavimento reception e sbarco ascensori), Inalco – Eco Contract (pavimento tessile pavimento reception e sbarco ascensori), Gerflor (pavimento uffici), Topakustik® (rivestimenti fono assorbenti ufficio Ceo e Sala del Consiglio); Phonoflex® – Doluflex ( rivestimento fonoassorbente corridoio piano 6°), Caimi (pannelli fonoassorbenti a parete, a soffitto, divisori; appendiabiti, cestini e portaombrelli), Oddicini (pareti divisorie manovrabili), Universal Selecta (pareti mobili vetrate).

Arredi e illuminazione: Aresline (divani acustici), Arper (poltrone, tavoli bassi e divano reception), Arteco (tavoli operativi), Artemide (illuminazione), Milani (sedie operative e poltrone), Manerba (tavoli meeting ufficio Ceo e Sala del Consiglio), Arper (poltrone, tavoli bassi e divano reception), Vitra (sistema di arredo).

Le opere sono state coordinate e realizzate dai general contractor Vic Cancelleria Srl e Tonon Spa.

Nessun Commento

Rispondi