ED.G.E.: l’ex Hotel Executive è rinato in un complesso uffici modulare e sostenibile

404

Un processo di riqualificazione che in cinque anni ha trasformato uno storico immobile dei primi anni ’70, l’ex Hotel Executive, in un avveniristico complesso di edifici modulare e sostenibile, un innovativo hub che ospita e mette in connessione eccellenze mondiali nel campo della farmaceutica, dell’IT e dei servizi. È ED.G.E., Edifici Garibaldi Executive, inaugurato il 18 ottobre 2022: un progetto nel cuore di Milano, a due passi dalla Stazione di Porta Garibaldi, che ha permesso di completare un’area della città che è diventata motore di crescita e sviluppo. Ecco come il team di professionisti di Colliers Property Project and Development ha guidato l’intero processo di trasformazione dell’immobile, supportando l’investitore in tutte le attività di Project Management.

L’Hotel Executive è stato, fino a pochi anni fa, un luogo noto per i milanesi e non solo, teatro del calcio mercato meneghino. La riqualificazione ha interessato l’immobile preesistente, realizzato nei primi anni ’70, e grazie a un intervento di ristrutturazione pesante che ha riguardato le strutture, con ampliamenti e adeguamenti sismici, la realizzazione di nuovi core, impianti, e l’installazione di un nuovo involucro, si è dato vita a nuovo edificio, in linea con le attuali aspettative del mercato per un moderno immobile ad uso uffici. Oggi ED.G.E. ha una superficie utile di circa 21.954 mq e una superficie lorda costruita complessiva pari a 40.000 mq.

ED.G.E. viene definito come “edificio di edifici”: è infatti costituito da tre corpi di fabbrica collegati tra di loro, ma indipendenti dal punto di vista funzionale e aventi in comune i locali interrati (magazzini, locali tecnologici e autorimessa). Ogni edificio è dotato di proprio ingresso indipendente e di reception al fine di mantenere la più alta efficienza e flessibilità commerciale.

Tanti gli interventi strutturali che si sono resi necessari, a partire dall’unione delle fondazioni isolate pre-esistenti in una fondazione unitaria e dal consolidamento dei pilastri esistenti mediante rivestimento a basso spessore con malte cementizie e fibre di acciaio. Si è poi proceduto alla demolizione dei core precedenti e di porzioni di solaio, al ripristino dei solai esistenti, alla realizzazione di nuovi core (strutture di irrigidimento) e di nuove strutture in elevazione con pilastri e travi in acciaio e solai alleggeriti in cemento armato.

È stata progettata e realizzata una nuova facciata funzionale in vetro e alluminio ad alte prestazioni e una nuova facciata architettonica, che riveste la facciata funzionale dell’edificio fino al piano sesto, realizzata con elementi prefabbricati in cemento armato che caratterizzano il nuovo aspetto del fabbricato conferendone un’immagine monumentale e contemporanea. I sopralzi del nuovo corpo di via Sturzo (dal piano settimo al nono) sono invece in alluminio e vetro. Sempre sul lato di via Sturzo, è stato riqualificato il portico e realizzato un nuovo porticato privato interno in contiguità con la terrazza affacciata sul cortile interrato.


Per rendere più innovativo ed efficiente il complesso di edifici, si è anche reso necessario intervenire con nuovi impianti a servizio del fabbricato, come a esempio la nuova centrale termica dotata di impianti a pompa di calore alimentate da sistema geotermico (nel dettaglio, sei pozzi di presa e sette pozzi di resa); questa strategia impiantistica ha permesso una notevole riduzione del consumo energetico per la climatizzazione rispetto ai sistemi tradizionali e i pannelli fotovoltaici installati sulle coperture permettono la produzione di parte del fabbisogno energetico dell’immobile, ottimizzando i costi energetici a carico dei tenant. Tutti i locali uffici, inoltre, sono dotati di impianti di climatizzazione realizzata mediante pannelli radianti a soffitto, fancoil integrativi a pavimento, e ventilazione meccanica controllata gestiti a livello di edificio mediante sistema BMS.

Tutti questi interventi hanno contribuito a rendere l’edificio efficiente, sostenibile e in linea con i migliori standard internazionali, al fine di poter ottenere la certificazione Leed Platinum Core and Shell. Inoltre, data la vocazione particolarmente innovativa dell’edificio e dei tenant che lo stanno popolando, ED.G.E. sarà uno dei primi edifici italiani a ricevere la classificazione “Wired Score” per i servizi di connessione e distribuzione alle reti di trasmissione dati (fibra ottica e telefonia mobile di alta velocità).

Le attività di Project Management sono state avviate nell’estate del 2017 con lo sviluppo del progetto e avvio delle attività di bonifica e strip-out, seguite poi dalle attività di demolizioni, consolidamenti strutturali e la realizzazione di nuove strutture e sopralzi. Successivamente, fino ad aprile 2022, è stato realizzato il nuovo involucro, sono stati installati gli impianti e realizzate le finiture interne ed esterne; già da settembre 2021 è scattata la fase di consegna degli spazi ai conduttori per i relativi allestimenti e personalizzazioni, con la consegna delle porzioni di via Tocqueville e via D’Azeglio, ed è proseguita fino luglio 2022 con le rimanenti porzioni. Cinque anni che hanno trasformato l’ex Hotel Executive in un nuovo luogo in cui coesistono, si completano e dialogano il presente e il futuro.

di Alessandro Dal Ferro, project manager di Colliers

Nessun Commento

Rispondi