be© in focus: Nuovi ruoli in impresa si legano alla Csr

1502

Il mondo aziendale ricopre ruoli sempre più ampi di natura sociale. Da ciò discendono responsabilità crescenti non solo nei confronti dei soggetti economici e politici – prevalentemente azionisti, finanziatori, fornitori, clienti e pubblica amministrazione – ma verso l’ambiente circostante l’azienda considerata a 360 gradi.

Conciliare obiettivi economici, che comunque non devono mai essere tralasciati, pena l’esistenza dell’impresa e quindi anche le sue performance sociali, assieme al contributo che può essere dato alla comunità, al territorio e a tutti i portatori di interessi che, fisicamente o meno, gravitano attorno alla realtà aziendale, è il compito di nuove figure manageriali che si stanno facendo largo nel mondo del lavoro. Ci si riferisce, in particolare, al Corporate Social Responsibility manager.

Chi è e cosa fa il Csr Manager? Secondo un’indagine condotta dall’Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche (INAPP) quello del “responsabile in responsabilità sociale” dell’azienda è un ruolo complesso e sfaccettato, che deve conciliare l’ordinaria gestione aziendale a una forte spinta innovativa, che accompagni l’azienda verso il cambiamento, anticipando le tendenze e cogliendo i segnali dell’evoluzione del business.

Le competenze del Csr Manager devono essere sia verticali sia orizzontali. Le prime sono competenze manageriali e tecniche, che vanno dalle capacità organizzative alla leadership. Quelle orizzontali riguardano invece le competenze sociali e soft, cioè le capacità relazionali e di comunicazione. Il Csr Manager deve quindi avere doto organizzative, conoscere a fondo il business, ma deve anche saper gestire i conflitti, mantenere i rapporti con la comunità e le istituzioni, motivare e valorizzare il team di lavoro.

Secondo uno studio di Csr Manager Network, a oggi il 79% dei Csr Manager italiani arriva da un percorso di crescita interno all’azienda, provenendo dalla reparto comunicazione (20,8%), dall’investor relations (12,5%), dall’internal audit (12,5%) o dai reparti salute-sicurezza qualità (12,5%).

La formazione di figure di questo tipo sarà sempre più centrale per il futuro delle aziende, aprendo così nuove opportunità occupazionali, oltre a modificare profondamente il ruolo delle società nel sistema economico, sociale e ambientale circostante.

Nessun Commento

Rispondi