Scuola, nido e ostello: 3 bandi Inail pubblicati, ne restano 26 da attivare

183
Il palazzo sede dell'Inail a Roma

Sono iniziative immobiliari di elevata utilità sociale, ovvero realizzazioni di scuole, residenze universitarie, uffici pubblici e strutture sanitarie e assistenziali le protagoniste dei tre bandi pubblicati dall’Inail che si impegna a finanziarne la costruzione.

Tre su ventisei, perché questo è il totale delle iniziative attualmente attive in questo settore che ora possono beneficiare degli strumenti di semplificazione del codice dei contratti introdotti dal governo e spingere per una realizzazione più rapida degli intervisti di edilizia scolastica e sanitaria.

Ostello, scuola e asilo nido nei bandi Inail attivati

Per i tre bandi Inail attivati, si tratta della predisposizione dell’affidamento dei lavori per la realizzazione di un polo scolastico, un ostello per la gioventù e un asilo nido nei Comuni di Morrovalle (Macerata), Costermano sul Garda (Verona) e Monteprandone (Ascoli Piceno).

La costruzione del nuovo polo scolastico nel Comune di Morrovalle, in località Borgo Pintura, è affidata a una procedura aperta in ambito europeo, che ha preso il via con la pubblicazione del bando di affidamento dei lavori nella Gazzetta ufficiale Ue del 21 luglio, per un importo a base di gara di circa 6,2 milioni di euro. La scuola è concepita come elemento aperto al territorio a servizio della comunità locale, con servizi che possono fungere anche da centro civico e da attrattiva per tutta la cittadinanza, e potrà accogliere fino a un massimo di 624 scolari in 24 aule distribuite su due livelli, per un totale di quasi quattromila metri quadrati.

Il bando pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 10 giugno riguarda la realizzazione di una struttura ricettiva all’interno del Parco dell’Amicizia dei Popoli nel Comune di Costermano sul Garda. Per un importo a base di gara di circa 4,6 milioni di euro, l’appalto prevede la costruzione di un edificio di due piani che ospiterà l’ostello della gioventù, dotato di 30 stanze per un totale di 88 posti letto. All’esterno troveranno spazio una zona ricreativa “bicigrill”, con area di sosta e piccola ristorazione-bar, una piscina di piccole dimensioni a servizio degli ospiti e un giardino di pertinenza, in continuità fisica e visiva con il Parco dell’Amicizia dei Popoli di futura realizzazione.

Il terzo bando relativo all’asilo nido nel Comune di Monteprandone, pubblicato nella Gazzetta ufficiale dello scorso 25 maggio, per un importo a base di gara pari a circa 2,2 milioni di euro prevede invece la costruzione di una nuova struttura in cui la “sezione” rappresenta il microcosmo nel quale si svolge la vita dei bambini, con percorsi, spazi semi-pubblici e ambienti facilmente individuabili e privi di barriere architettoniche, in una fluida continuità tra interno ed esterno. Gli spazi interni, in particolare, si estenderanno per una superficie utile superiore a sette metri quadrati per bambino e saranno connessi attraverso una sequenza di patii delimitati da pareti vetrate, per consentire una visione continua fino al giardino che circonda l’intero edificio.

Le nuove strutture prevedono l’utilizzo di materiali e tecniche a ridotto impatto ambientale durante il ciclo di vita dell’opera e l’impiego delle migliori tecniche costruttive, a garanzia di efficienza, funzionalità, durabilità e di ridotti costi di esercizio e di manutenzione. Una volta conclusi i lavori, l’Istituto consegnerà gli immobili ai rispettivi Comuni, con i quali sarà sottoscritto un contratto di locazione della durata di 18 anni, rinnovabile per altri 18.

Per il programma di iniziative immobiliari con finalità sociali, l’Istituto ha stanziato complessivamente oltre 500 milioni di euro. Nel corso del 2019, in particolare, sono stati aperti i primi due cantieri per la costruzione di una nuova scuola secondaria a Vaprio d’Adda, in provincia di Milano, e per la realizzazione di una casa di riposo nel Comune di Pederobba (Treviso). Queste due opere in corso di costruzione si sommano alle tre scuole già realizzate (Carignano, Fidenza e Grugliasco), che portano a 35 milioni di euro l’importo degli stanziamenti già contrattualizzati.

Nessun Commento