Quanto e soprattutto cosa vale lo Starbucks di Milano

Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati. Sostieni l’informazione di qualità, accedi ora o abbonati a Requadro.com

5 Commenti

  1. Sono Gigi e abito vicino a Starbucks, non sono ancora entrato in questo nuovo store, sono molto curioso e contento di questa nuova presenza, tuttavia ho qualche anno di esperienza ed ho ampiamente alimentato la mia golosità. Apprezzo molto le caffetterie Nonché pasticcerie Migliori di Milano ma per la mia esperienza e d’Italia . Sono qui i nomi sono noti: Marchesi, Bastianello, e tutti gli altri, e l’ultimo di questo livello, secondo me è sempre primo in Italia.

  2. Scusate, ma che conteggi avete fatto?
    55.556 caffè al mese per 1,80€/caffè fanno 100.000€/mese.
    Ma il costo della materia prima? e del personale? e della corrente elettrica? e l’IVA? Credo che vi siate persi qualche pezzo per strada….
    Come noto una attività di ristorazione è in grado di sostenere un canone di locazione pari a circa il 10% del proprio fatturato, quindi per pagare un canone di 100.000€/mese dovrebbe fatturare 1.000.000€/mese…. dovete quindi moltiplicare per 10 il numero di caffè che avete stimato.

    • Gentile Max,
      confermiamo la stima riportata, se lei ha dati che ritiene più precisi saremo ben lieti di discuterne ed eventualmente di accoglierli.
      Molti cortesi saluti

  3. Ritorno al mio commento precedente. Nell’articolo avete scritto: “Facendo cifra tonda, ogni mese Starbucks deve riconoscere a Kryalos 100mila euro di affitto. Per ripagarli c’è bisogno che vengano venduti 55.556 caffè espresso”.
    Quello che vi ho fatto notare è che, se Starbucks vende 55.556 caffè, incassa 100mila euro, ma con questi 100mila euro deve pagare in primis materie prime, personale, utenze, IVA, ecc.
    Una attività di ristorazione può permettersi di pagare un canone di locazione pari a circa il 10% del fatturato (il 90% serve per pagare materie prime, personale, utenze, ecc., oltre agli utili per remunerare il capitale investito).
    Pertanto, per permettersi un canone mensile di 100mila euro, Starbucks dovrà vendere la bellezza di oltre mezzo milione di caffe al mese!