A Pieces of Venice il XXVI Compasso d’Oro per il design nel sociale

292
Pieces of Venice

All’interno degli spazi del nuovo Adi Design Museum Milano è stato assegnato alla Benefit Company “Pieces of Venice” il XXVI Compasso d’Oro nella categoria Design per il sociale.

Tra i parametri di valutazione, oltre all’originalità, l’innovazione funzionale e tipologica, materiali impiegati, la giuria ha individuato anche il rispetto ambientale, il valore pubblico e socialel’interazione e il design for all.

Luciano Marson e Karin Friebel, uniti nella vita e nella volontà di trasferire in azienda l’amore per Venezia, con questo prestigioso premio vedono riconosciuto il valore del progetto da loro ideato e sviluppato: Pieces of Venice.

“Il mio background di imprenditore attento alla bellezza ha influenzato tantissimo l’intero progetto: ho chiamato a raccolta amici designer, con i quali non avevo mai direttamente collaborato, che hanno colto immediatamente lo spirito e l’obiettivo di Pieces of Venice dando il loro prezioso contributo. È stato stimolante coordinare il loro lavoro e percepire quanta genuina passione e competenza mettessero a servizio di questa piccola grande impresa.” – Luciano Marson.

La benefit company Pieces of Venice

Pieces of Venice è una benefit company la cui formula innovativa esprime un modo diverso di fare impresa: mirare al miglioramento della qualità della vita delle persone, alla diffusione di bellezza e al raggiungimento di un profitto, attraverso il recupero di un patrimonio ambientale unico al mondo.

ll background di Luciano Marson ha influito enormemente sullo sviluppo del progetto.

Imprenditore dalla lucida visione, Luciano Marson è anche designer. Determinante alla fine degli anni ‘70, il suo incontro con Paolo Pallucco, imprenditore e progettista anticonformista. Dalla collaborazione con Pallucco a quella con Maddalena De Padova il passaggio è stato fisiologico. Nel 1984 la passione per il design, unita a quella per i materiali, matura e si affina con l’esperienza milanese fino a trasformarsi definitivamente nel 1989 in Impresa che gli regalerà ben tre Compassi d’Oro.

Nessun Commento