L’Istituto Nazionale di Urbanistica spegne 90 candeline

454
istituto nazionale urbanistica inu 90 anni

L’Istituto Nazionale di Urbanistica compie 90 anni e per l’occasione è stato istituito un portale che raccoglie le iniziative di celebrazione.

Vi saranno convogliate informazioni sugli eventi che si svilupperanno nelle diverse sedi durante tutto l’anno e ospitati contributi di diversa natura, come riflessioni, segnalazioni bibliografiche e archivistiche, biografie e memorie, gallerie di foto.

Il portale, si legge nelle linee di indirizzo appena pubblicate, rappresenta il riferimento di una celebrazione, intesa come una ricostruzione del passato proiettata al futuro, utile per autorappresentarsi e presentarsi, per comprendere il ruolo svolto in passato dall’Istituto in relazione a quello che può e vuole svolgere oggi a fronte del profondo cambiamento intervenuto. Questa impostazione rispecchia e conferma l’impegno politico-culturale dell’Inu, oltre che tecnico-amministrativo.

Tra le iniziative e gli eventi che saranno raccolti e di cui si darà conto, oltre a quelli che saranno organizzati nei diversi territori, ci sarà una mostra di rilievo nazionale. Si svolgerà presso i locali dell’Urban center di Milano, all’interno dell’edificio della Triennale di Milano, in un periodo coincidente con la prossima edizione di Urbanpromo. La medesima manifestazione, Urbanpromo, ospiterà uno spazio seminariale ad hoc. Inoltre si sta lavorando per collocare in concomitanza con la Giornata di Studio dell’Inu (che offre la possibilità di raccogliere contributi ad ampio spettro, grazie a una accurata costruzione della call), che si svolgerà a fine anno, l’evento di chiusura delle celebrazioni.

Il compito di sovrintendere alle celebrazioni è affidato dall’Inu a un comitato scientifico (presieduto da Patrizia Gabellini, di cui fanno parte anche il presidente dell’Inu Michele Talia, il segretario Francesco Domenico Moccia, Carlo Alberto Barbieri, Giuseppe De Luca, Paola Di Biagi, Giulio Ernesti e Stefano Stanghellini) affiancato da un Gruppo operativo di cui fanno parte Giulia Fini, Francesco Giacobone, Simone Ombuen e Vittorio Salmoni.

 

Nessun Commento