Kipar: “Il digitale aiuta a capire la realtà, anche il paesaggio”

715

In occasione di Digital Landscape, evento digitale promosso da Land e Ikon in occasione della Milano Digital Week e dedicato al paesaggio e all’architettura di esterni, l’architetto Andreas Kipar, direttore creativo e co fondatore di Land, ha spiegato in questa intervista concessa a Re2 come intende il valore e il ruolo che le tecnologie digitali e della comunicazione possono avere nella realtà e nella progettazione architettonica.

“In questo periodo in particolare – spiega Kipar – il digitale aiuta a riavvicinare le persone distanziate dalla paura del coronavirus e dalle scelte di lockdown. Più in generale la tecnologia aiuta ad accrescere la conoscenza”.

Per i non giovanissimi, “il processo verso la conoscenza parte dal digitale per planare sul reale; per me – dice Kipar – il processo è inverso: parto dal reale e poi approfondisco con il virtuale… ma il punto di arrivo e lo stesso. Pertanto è meglio superare pure e diffidenze nei confronti della tecnologia della comunicazione e imparare a usarla e gestirla al meglio, anche nel rapporto con il paesaggio e la natura”.

Tedesco di nascita, ma italiano e milanese di adozione e per vocazione, sulla decisione della Soprintendenza in merito alla possibilità di abbattere lo stadio Meazza di San Siro, Kipar pensa che “per la conservazione della memoria storica di una città, anche attraverso i simboli come lo stadio si San Siro, credo che non ci sia bisogno delle decisioni della Sovrintendenza, ma che possano essere i progettisti e gli sviluppatori a realizzarla inglobandola nei propri progetti”.

1 Commento