Foresight 2020, appuntamento al 15 ottobre per il digital summit di Lombardini22

239

L’emergenza ha investito i nostri fondamentali: salute, istruzione, lavoro, informazione, libertà di movimento. Ha messo a nudo l’importanza cruciale del settore pubblico, ha esasperato molte criticità di un modello di sviluppo che da decenni diamo per scontato, ha risollevato questioni universali attraverso un’incredibile accelerazione dei processi: una “tempesta perfetta” di incertezza, volatilità e ambiguità.

La pandemia impone un atteggiamento diverso. Se prima potevamo contare su una certa continuità di azione, oggi dobbiamo affidarci alla capacità di reazione. E poiché siamo in un momento storico unico dove il tempo non è lineare servono altri criteri, nuove coordinate.

Oggi è dunque necessario allargare l’orbita dello sguardo per mettersi in ascolto di diverse realtà, emergenti o consolidate, istituzionali o “dal basso”, centrali o “periferiche”, per riconoscere nei diversi tempi di reazione le buone pratiche, le eccellenze, gli spunti di innovazione ovunque essi siano: la sfida è unirli in nuove relazioni e mappe di senso, per orientarsi in un quadro di grande incertezza.

E’ questo il senso di Foresight 2020, l’evento culturale di Lombardini22, che si terrà giovedì 15 ottobre dalle 9 alle 13. Quest’anno il format cambia e diventa un Digital Summit, una piattaforma virtuale di confronto e comprensione reciproca su quello che sarà il futuro attraverso uno sguardo multidisciplinare sulla realtà. Al centro dell’evento ci saranno 10 Master: economisti con la passione per la politica e imprenditori visionari, giornalisti che raccontano il paese reale e inventori di community, leader dell’innovazione e medici scienziati di fama mondiale, europeisti attivi nei temi ambientali e dei diritti umani e professori dell’accoglienza interculturale, esponenti del real estate e manager metropolitani.

Ogni Master proporrà una “pillola” di sapere in un talk di 15 minuti su ciò che di nuovo sta avvenendo nella propria rispettiva disciplina ora che, tutti insieme, stiamo sperimentando un rivoluzionario cambio di paradigma. La novità di quest’edizione prevede non solamente una sequenza lineare di interventi, ma un network ramificato che, a partire da ogni singolo talk, attiva sessioni separate di Q&A moderate dai soci di Lombardini22 per interagire con i relatori e approfondire gli argomenti trattati.

A moderare il panel sarà Paola Dezza, real estate editor de Il Sole 24 Ore e voce narrante del mercato immobiliare.

“Foresight 2020 è il piccolo contributo di Lombardini22 alla nostra comunità del Real Estate: è un momento di approfondimento e di riflessione con cui prepararci ad affrontare un periodo di grande impegno, in cui tutti saremo chiamati a dare il meglio se vogliamo uscirne a testa alta – dice Franco Guidi, amministratore delegato e partner di Lombardini22 – Lo scorso anno parlavamo di condividere mappe dei nuovi territori, quest’anno forse ci dovremo accontentare di una bussola. L’importante è sentirsi comunità e darsi tutti quel coraggio di cui abbiamo bisogno per esplorare il nuovo”.

Chi sono i Master di Foresight 2020

• MARCO BUCCI – Sindaco di Genova e commissario straordinario per la ricostruzione del Viadotto Polcevera, forse il più emblematico testimone di una reazione tempestiva che ha saputo unire intelligenze diverse e andare oltre gli schieramenti, attivando nuove procedure e assunzioni di rischio. Affronterà il tema di come la pubblica amministrazione risponde all’evento inaspettato.
• GIUSEPPE REMUZZI – Professore di Nefrologia presso l’Università di Milano e Direttore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, una delle voci mediche più equilibrate durante la fase acuta della pandemia. Dalla sua voce sapremo cosa potremo aspettarci nei prossimi mesi, e come abitare i nostri spazi convivendo con il virus anche a medio-lungo termine.
• SALVATORE MAJORANA – Direttore Kilometro Rosso Innovation District, uno degli sguardi più concreti e appassionati sul trasferimento tecnologico e l’innovazione sostenibile, sulla robotica e l’intelligenza artificiale, sulla sinergia di competenze transdisciplinari. Con lui si discuterà di come configurare il nostro habitat, confinato o condiviso che sia, con l’ausilio della tecnologia più sofisticata, come creare i contesti più adatti all’innovazione e quali strategie adottare.
• NERIO ALESSANDRI – Presidente e fondatore di Technogym e creatore di “Wellness Valley”, primo esempio al mondo di “distretto per competenze” legato al benessere, un modello di successo con fertili ricadute sul territorio e soprattutto replicabile. Un tema di estrema attualità che per la sua lungimiranza è tra i più sentiti: come valorizzare le vocazioni dei luoghi unendo impresa, salute e creazione di reti comunitarie? Come passare dal prodotto all’ecosistema?
• CARLO COTTARELLI – Direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, osservatorio davvero privilegiato per capire quali previsioni possiamo fare sull’andamento dell’economia globale, quali conseguenze aspettarci per l’Italia e come operare al meglio come imprenditori e operatori economici. Ci darà una prospettiva sulla sfida che l’Italia si appresta ad affrontare con il Recovery Fund, rispetto alla quale non possiamo permetterci errori.
• MONICA FRASSONI – Presidente della European Alliance to Save Energy (EU-ASE), affronterà il tema del Green Deal, la prova più difficile ed entusiasmante che anche il settore immobiliare avrà di fronte: una grande opportunità e responsabilità per il nostro Paese di crescere e allinearsi con gli obiettivi comunitari di sostenibilità ambientale. Ma serve una visione con una prospettiva europea.
• DARIO DI VICO – Editorialista del Corriere della Sera, esaminerà l’attualità dell’economia reale, delle imprese, del lavoro in Italia nel suo complesso fino alla grana più fine del contesto milanese. Dinamismo, capitale umano, capacità di aprirsi alla competizione internazionale con un capitalismo dalle dimensioni “leggere” caratterizzano l’eccellenza del nostro territorio. Ma anche il suo limite?
• CHIARA GIACCARDI – Docente di Sociologia e Antropologia dei media all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ci aiuterà a guardare attraverso la lente dei mutamenti interculturali dovuti alla rete e alla globalizzazione e chiederci come costruire nuove forme di accoglienza, comunità, generatività economica e sociale.
• PAOLO DE NADAI – Fondatore ScuolaZoo e WeRoad e Presidente OneDay Group, è la voce di nuova generazione, dell’imprenditorialità social che inventa community “curando il dettaglio e il divertimento”. Con lui parleremo di formazione e come interagire con le nuove generazioni, come ascoltarle e sviluppare il loro potenziale, farle crescere.
• VALERIA FALCONE – Portfolio Manager & Real Estate Country Head di Barings Alternative Investments. Con lei ci interrogheremo sul futuro prossimo del Real Estate italiano e cercheremo di capire le prospettive degli investimenti, anche in un confronto internazionale, chiedendoci se i tempi sono maturi per passare dalle dichiarazioni programmatiche ad azioni concrete che perseguano obiettivi comuni e meno individuali.

1 Commento