Design e sostenibilità nell’Arcadia center a Milano

41

Un ambizioso intervento di ristrutturazione a cura di F&M Ingegneria per l’immobile, nel quartiere gallaratese in Via Grosio 10/4 a Milano. Il complesso direzionale, di circa 23.000 mq di superficie utile, che porterà il nome di Arcadia Center è destinato ad accogliere il nuovo headquarter Volkswagen Leasing GmbH e Volkswagen Bank GmbH. Un progetto in cui Prelios Agency ha dato supporto nell’individuazione del tenant.

Allo studio Giuseppe Tortato Architetti, che vanta un expertise ventennale nel settore della rigenerazione urbana, è stata affidata la progettazione architettonica e la direzione artistica.
Investire Sgr ha assegnato a F&M Ingegneria l’incarico di svolgere i servizi relativi a: progetto preliminare, definitivo ed esecutivo strutturale, antincendio, coordinamento sicurezza in progettazione ed in esecuzione, direzione lavori.

In considerazione della rilevanza dell’intervento e della capacità tecnica e organizzativa dei professionisti coinvolti, InvestirE ha richiesto che il progetto di Arcadia Center fosse sviluppato con tecnologia Bim, attività per la quale F&M Ingegneria ha ottenuto di recente la certificazione ICMQ BIM.

La modellazione è stata svolta con software Revit, in conformità alla UNI11337:2017. E’ stato creato un “modello federato” del progetto, messo a disposizione sul “cloud proprietario” del team di progettazione, all’interno del quale sono collegati tutti i modelli multidimensionali relativi alle varie discipline (architettura, strutture ed impianti). In tal modo il progetto è costantemente aggiornato e disponibile anche alle eventuali verifiche da parte del committente.
La struttura creata, oltre che permettere una condivisione delle informazioni in fase di progetto, consentirà in futuro di ottimizzare anche la manutenzione dell’edificio, innescando una fase di integrazione tra i processi e la sostenibilità dell’immobile.

Nello specifico Il progetto di ristrutturazione dell’edificio prevede la riqualificazione di due corpi di fabbrica adiacenti e collegati per una superficie totale di 23.000 mq.

E’ prevista una nuova architettura sinuosa e dalla forte personalità, caratterizzata da un contrasto raffinato tra il bianco dei fascioni curvilinei a sezione variabile che abbracciano l’edificio sul fronte strada e il grigio antracite che caratterizza i volumi spigolosi e tesi del resto dell’edificio.

Il corpo Sud affacciato su via Privata Grosio fronteggia un’area verde e gode di un’ampia visuale verso il paesaggio circostante e il nuovo skyline di Milano, che il progetto intende valorizzare: gli edifici del contesto sono caratterizzati da facciate con serramenti a nastro continui, con un andamento prevalentemente orizzontale che viene richiamato anche nella nuova facciata di progetto.

Il corpo Nord è caratterizzato da un edificio regolare con copertura a falde inclinate a pendenza variabile che originariamente conteneva un auditorium: tale caratteristica è stata motivo di ispirazione per la nuova copertura del corpo Sud, che dialoga con le forme originarie del corpo Nord, reinterpretandole in base alle nuove esigenze degli spazi lavorativi contemporanei.

Il progetto prevede di mantenere la struttura portante esistente, demolendo il volume in copertura (compresi gli impianti lasciati a vista) e la guardiola, ripensando completamente le facciate con l’obiettivo di migliorare le prestazioni energetiche e conferire il massimo comfort negli spazi di lavoro.

L’edificio nella configurazione di progetto si sviluppa come segue:

  • due piani interrati adibiti a magazzini, locali tecnici e autorimesse;
  • un piano rialzato adibito a reception, spazi comuni, mensa, depositi e uffici integrati;
  • cinque piani fuori terra, adibiti prevalentemente ad uffici.
  • Da un punto di vista strutturale l’immobile è stato interessato da interventi locali in coerenza con le nuove esigenze estetiche-funzionali delle facciate e degli interni. Per consentire un adeguata conoscenza e verifica dell’immobile è stata finalizzata l’analisi di vulnerabilità sismica. Questo insieme agli interventi di rinforzo hanno consentito di poter migliorare l’edificio non solo sotto il punto di vista estetico- funzionale- energetico ma anche strutturale in termini di sicurezza.

    Il progetto al momento è in fase di costruzione; sono ormai ultimate le opere di strip-out e bonifica e sono in corso la sostituzione delle facciate e le opere generali di ristrutturazione per il fit-out interno che sarà, questo, a cura del Conduttore.

    Nessun Commento