Covivio, Edf e Impulse Partners lanciano il bando Air Quality Challenge

263
air quality

Quali soluzioni innovative ci sono per migliorare la qualità dell’aria interna agli edifici riducendo al contempo il consumo di energia? La qualità dell’aria interna di un edificio è una questione di salute pubblica e di benessere per chi ci vive e lavora.

Covivio ed Edf, da lungo tempo partner immobiliari, hanno collaborato con l’incubatore di imprese Impulse Partners per lanciare un bando europeo rivolto a start-up, pmi, laboratori, organizzazioni no profit e grandi aziende pr­­onte a offrire soluzioni innovative su questo tema.

Passiamo la maggior parte del nostro tempo in spazi chiusi (come case, uffici e trasporti pubblici) e respiriamo tra gli 8.000 e i 12.000 litri d’aria al giorno, e in considerazione dei nuovi standard normativi, il tema della qualità dell’aria interna non è mai stato così importante. In più, l’attuale crisi sanitaria globale ha alzato ancora di più la posta in gioco.

Una sfida paneuropea per testare nuove soluzioni

Nel tentativo di identificare e testare soluzioni innovative progettate per fornire miglioramenti tangibili alla qualità dell’aria interna riducendo al contempo il consumo energetico, Covivio e il team di ricerca e sviluppo di EDF lanciano un bando europeo per progetti dal titolo Air Quality Challenge. Questa iniziativa è sostenuta da Impulse Partners, specialista dell’innovazione e partner di entrambe le aziende.

Dal 2 giugno al 30 settembre 2020, le aziende, i laboratori e le organizzazioni no-profit con soluzioni innovative in materia di qualità dell’aria indoor potranno presentare le loro proposte attraverso un sito web dedicato.

I due partner sono alla ricerca di sistemi innovativi, intelligenti e pratici che consentano di ridurre il consumo di energia. I candidati prescelti potranno testare le loro soluzioni in edifici di proprietà di Covivio ed EDF.

“Per Covivio, operatore leader nel settore immobiliare in Europa, l’iniziativa si integra perfettamente alla nostra strategia di innovazione basata sulla ricerca e sullo sviluppo, che mira a trovare soluzioni che abbiano un impatto tangibile e diretto sia sulla qualità dei nostri edifici sia sul benessere dei nostri clienti”, ha commentato Marielle Seegmuller, operations director di Covivio.

“Abbiamo iniziato a lavorare con EDF su questo tema più di un anno fa, dopo aver indentificato quali fossero le aspettative comuni e gli obiettivi da perseguire, in vista dell’avvio di un progetto congiunto nella prima metà del 2020. Il clima attuale offre una nuova risonanza a questa iniziativa”, ha aggiunto Philippe Boyer, innovation director di Covivio.

“Il team di ricerca e sviluppo di EDF sta lavorando da diversi anni per rendere gli edifici più efficienti dal punto di vista energetico, in linea con le aspettative di benessere quotidiano degli inquilini. Su questa iniziativa abbiamo unito le forze con Covivio, per accelerare la creazione di soluzioni innovative che possiamo sviluppare per i nostri dipendenti e clienti”, ha proseguito Sylvie Moulet, r&d programme director – customers and services di EDF.

Informazioni aggiuntive

Chi può presentare domanda?

Qualsiasi tipologia d’azienda (start-up, pmi o grandi società), laboratorio o organizzazione no-profit, che opera in uno o più Paesi dell’Unione Europea, così come in Svizzera, Regno Unito, Islanda e Norvegia.

Quali progetti sono ammissibili?

Lo scopo di questa sfida è identificare e impiegare materiali, processi prodotti o servizi innovativi che contribuiscano a migliorare la qualità dell’aria interna agli edifici, riducendo al contempo il consumo di energia. I progetti basati sulla biomimetica sono di particolare interesse. Ai candidati verrà anche chiesto se le soluzioni che presentano sono pronte o ancora in via di sviluppo (in una fase abbastanza avanzata), affinché possano essere testate su larga scala.

Calendario

  • Dal 2 giugno al 30 settembre 2020 > Presentazione delle domande di ammissione sul sito Web
  • Dall’1 al 31 ottobre 2020 > Selezione delle candidature
  • 6 novembre 2020 > Comunicazione di candidati e finalisti, oltre alle informazioni sull’organizzazione della giuria
  • 27 novembre 2020 > Comunicazione dei vincitori e presentazione dei progetti
  • Dicembre 2020 – gennaio 2020 > Preparazione degli accordi sulla sperimentazione
  • Primo trimestre 2021 > Inizio della sperimentazione

Nessun Commento