Assostaging: ecco chi guiderà l’associazione nei prossimi 5 anni

3072

Assostaging – Associazione Nazionale Home Staging e Valorizzazione Immobiliare aderente a Confcommercio Milomb – ha eletto la propria dirigenza per il quinquennio 2019 – 2024.

Alla presidenza dell’associazione è stata eletta Francesca Greco, di Milano, socia fondatrice e già presidente pro tempore. Con lei guideranno l’associazione altri 8cConsiglieri che esprimono già diversi territori e che presto saranno affiancati dai referenti regionali e dai comitati di settore, operanti in tutta Italia: sono (in ordine alfabetico) Rossella Barrasso (Roma), Paola Blasi (Roma), Fabrizio Filigheddu (Sassari), Gaia Fucilli (Genova), Sara Gilardelli (Milano), Sanja Radovanovic (Roma), Barbara Sala (Milano) e Cinzia Vezzosi (Milano). Il collegio dei Probiviri eletto è composto da Elena Avonti (presidente, Milano) e da Sonia Abbondi (Monza Brianza) e Roberta Di Gioia (Milano) mentre per il collegio dei Revisori dei Conti sono state elette Simona Ferri e Fiorella Gaudio (entrambe di Milano).

“L’Home Staging è uno strumento di marketing e di comunicazione immobiliare, strategico nel processo di vendita e di locazione, che sta assumendo una importanza sempre più rilevante nel mercato attuale – afferma la presidente Greco – Si deve mettere al centro il cliente prima ancora dell’immobile e ci vengono richieste competenze trasversali molto articolate ed un continuo aggiornamento. Servono attenzione, creatività, rispetto, senso pratico, un grande equilibrio tra le esigenze della proprietà e le aspettative di chi cerca l’immobile. La conoscenza e la corretta diffusione dell’Home Staging, oltre al riconoscimento e alla valorizzazione professionale degli operatori di questo settore, sono obiettivi imprescindibili e l’impegno della nostra Dirigenza parte da qui”.

Se nei primi mesi di vita l’associazione ha già ottenuto importanti riconoscimenti, sottoscrivendo accordi e protocolli interassociativi (come per esempio quello del network dell’Abitare di qualità con Federmobili, Fimaa Milomb e Assimpredil Ance), l’attività è solo all’inizio: molti sono i progetti anche a breve termine e molto intenso è il programma pluriennale. Al centro la necessità di valorizzare e tutelare la professione e i professionisti dell’home staging e del settore dei servizi ad esso connessi, fornendo tutti gli strumenti necessari per operare in un mercato esigente e competitivo come quello italiano, creando sinergie con le varie figure professionali e imprenditoriali del Real Estate.

Assostaging opererà a livello sia nazionale che internazionale, grazie alla sua affiliazione, quale unica associazione del settore per l’Italia, a Iahsp Europe e Iahsp International, organismi internazionali che vantano migliaia di membri in tutto il mondo e che rappresentano le eccellenze tra i professionisti di questo comparto.

Questo progetto associativo è nato dall’idea e dalla progettualità di Beatrice Zanolini, direttore da oltre 20 anni della più importante e rappresentativa associazione di mediatori d’Italia (Fimaa Milano Lodi Monza e Brianza) e consigliere della Cciaa Milano Monza Brianza e Lodi. “Questa Associazione è nuova e soprattutto differente – ha dichiarato Zanolini, che è anche socia fondatrice di Assostaging – e risponde finalmente ad una dichiarata esigenza di tutela sindacale, di identità e di crescita della Categoria. Ne è ampia dimostrazione l’adesione a Confcommercio. I consensi dal mondo accademico, imprenditoriale e istituzionale confermano la concretezza dei contenuti e l’iscrizione di oltre 70 Associati da tutta Italia in meno di due mesi – senza avere avviato alcuna campagna associativa ufficiale – attesta che siamo sulla strada giusta perché una vera Associazione di categoria è fatta dagli stessi Associati e si costruisce ascoltando la voce di chi opera sul campo”.

Primi obiettivi 2020, già avviati e in fase di elaborazione, oltre agli altri abituali servizi e attività associativi come convenzioni, fiere, convegni e molto altro: la certificazione delle competenze, attraverso la definizione delle conoscenze e delle abilità richieste per lo svolgimento della professione; un codice di autodisciplina, contratti tipo e un vademecum per il consumatore; una polizza RC professionale anche a tutela del cliente e un più facile accesso al credito; alta formazione e sviluppo in tutta Italia del network dell’Abitare di qualità con incontri B2B e B2C in sinergia con la filiera immobiliare.

Nessun Commento